L’Alchimista di Paulo Coelho e la tua leggenda personale

Paulo Coelho - L'Alchimista

Quando desideri una cosa, tutto l’Universo trama affinché tu possa realizzarla.

Paulo Coelho

Questi giorni ho avuto la fortuna di riprendere tra le mani l’Alchimista di Paulo Coelho. È tra i libri più venduti e tradotti al mondo, più di 100 milioni di copie, tradotto in più di 70 lingue.

L’Alchimista è un anti-depressivo naturale, un condensato di insegnamenti e frasi che fanno riflettere.

Vorrei raccontarti 6 cose.

1. La storia di Paulo Coelho

La prima cosa che mi ha colpito è la storia di Paulo Coelho: una storia incredibile. Nato a Rio de Janeiro il 24 agosto del 1947, ha un forte desiderio sin da piccolo di fare lo scrittore. I suoi genitori non sono assolutamente d’accordo. Ha fortissimi contrasti soprattutto con sua madre. La classica storia, la mamma voleva che si laureasse, facesse l’ingegnere.

Paulo Coelho non solo voleva scrivere nel tempo libero, voleva proprio fare lo scrittore.

Non fu una cosa semplice.

I suoi genitori lo portarono in un ospedale psichiatrico perchè erano convinti che la sua ribellione dipendesse da una malattia mentale. Si dedicò all’Alchimia per molti anni. Poi la sua vita seguì un percorso tortuoso che lo portò a diventare uno degli scrittori più letti al mondo.

2. La prima prefazione

Paulo Coelho scrisse due prefazioni. La prima, quella originale, e la seconda prefazione per festeggiare i venti anni del libro. Nella prima prefazione dice:

Ho studiato Alchimia per undici anni. Nel 1973, ormai disperato per la mancanza di progressi, mi comportai in maniera del tutto irresponsabile.

All’epoca, lavoravo per il Segretariato di Stato per l’Istruzione del Mato Grosso e davo lezioni di teatro. Decisi di impiegare i miei alunni in laboratori teatrali incentrati sul tema della Tavola di Smeraldo.

Questo comportamento, in concomitanza con alcune mie incursioni nell’area fumosa della Magia, mi portarono, l’anno successivo, a sperimentare sulla mia pelle la verità del proverbio che dice: “Chi la fa, l’aspetti.” Mi crollò tutto intorno.

Paulo Coelho – Prefazione Alchimista
Paulo Coelho

Trascorsi i successivi sei anni della mia vita in un atteggiamento alquanto scettico per tutto quanto riguardava l’area mistica. In questa sorta di esilio spirituale, appresi molte cose importanti: che accettiamo una verità solo quando prima l’abbiamo negata dal profondo della nostra anima, che non dobbiamo sfuggire al nostro destino e che la mano di Dio è infinitamente generosa, malgrado il Suo rigore.

Paulo Coelho – Prefazione Alchimista

È la storia di tutti noi. Si parte con un progetto di vita, lavorativa, si conclude qualcosa o non si conclude nulla oppure si hanno dei risultati. Paulo Coelho ha trasferito tutto quello che ha vissuto nel suo libro magico. La vera forza del libro è che l’autore è riuscito a raccontare la sua storia, il suo tormento e le sue scoperte.

3. La Seconda Prefazione

La seconda prefazione è un inno alla scrittura. Se solo io avessi letto questa prefazione durante il mio percorso scolastico non avrei faticato così tanto a scrivere i temi. Con poche parole ti spiega in cosa consiste il mestiere dello scrittore.

Oggi, nel momento in cui mi sono seduto davanti a questa pagina, mi è sovvenuta una calda sera del febbraio 1988, quando mi ritrovai ad affrontare un altro foglio bianco.

L’ansia stava montando in me: avevo passato l’intera giornata rinviando quel momento. Mi ero svegliato presto, ma avevo deciso di dedicarmi prima alla lettura del giornale, come se fosse una delle attività più importanti della mia giornata. Lo lessi da cima a fondo, persino gli annunci economici – io, che avevo lasciato un impiego per avventurarmi nel mondo “pericoloso e imprevedibile” della letteratura.

Dopo un’ora e mezza di lettura metodica e accurata delle pagine a stampa, decisi che dovevo uscire di casa per tentare di dimenticare quelle notizie che ormai non suscitano più alcun timore, visto che sono identiche giorno dopo giorno. Come una persona che ripulisce una soffitta, io volevo sgombrare la mia mente, prepararmi per il foglio bianco che mi attendeva nella macchina per scrivere

Paulo Coelho – Prefazione 20 anni dalla pubblicazione – L’Alchimista
L'Alchimista appunti

Dopo pranzo, forse stanco dell’indecisione e dell’inattività, sprofondai in un sonno pesante, senza sogni. Quando mi svegliai, l’orologio segnava le sette di sera. I televisori dei vicini erano accesi, e io udivo il loro sonoro e il rumore confuso e vivace delle famiglie che si accingevano a cenare, a guardare qualche programma e a parlare della giornata di lavoro.
Con un leggero senso di colpa, tornai al mio tavolo nello studio, alla mia pagina bianca: mi ripromisi che sarei rimasto lì almeno mezz’ora, anche se non fossi riuscito a fare niente. Fu allora che mi ricordai di un verso di Fernando Pessoa: Lo specchio riflette esattamente ciò che vede: non sbaglia perché non pensa.
Che mirabile verità! “Non devo pensare! Devo agire, ora, ed essere come un lago che riflette il cielo, senza tentennamenti.” Posai le dita sulla tastiera della mia Olivetti elettrica, dono di una fidanzata con la quale non avevo mai raggiunto l’altare. Sì, adesso volevo raccontare tutto: volevo capire perché avessi rinviato così a lungo il mio sogno più grande. Ma, in particolar modo, intendevo dimostrare a me stesso che ero capace di mantenere accesa quella fiamma. “Ma… come cominciare?”

Paulo Coelho – Prefazione 20 anni dalla pubblicazione – L’Alchimista

Questa seconda prefazione spiega il mestiere di scrivere, chiunque la legge vorrebbe diventare scrittore. Ti fa anche capire quanto sia duro trovarsi di fronte a quel foglio bianco. Solo da quel tormento nasce poi la creazione del racconto, la scrittura.

Avrei raccontato la storia di un altro me stesso, la storia di quel pastore che ero sempre stato, anche se non avevo mai avuto un gregge di pecore da governare – soltanto sogni. Santiago avrebbe raffigurato lo specchio della mia vita e si sarebbe cimentato con tutti gli ostacoli, i crocevia, gli errori di una persona che decide di inseguire il proprio tesoro.
A poco a poco, pagina dopo pagina, la vita di quel ragazzo si delineò e prese forma davanti ai miei occhi. Ore senza tempo mi condussero all’alba, poi si trasformarono in giorni: per due settimane, sperimentai non solo un tuffo nel passato, ma anche un passo in direzione del futuro.

Paulo Coelho – Prefazione 20 anni dalla pubblicazione – L’Alchimista
Firma di Paulo Coelho

4. Due Settimane: il tempo impegato a scriverlo

Nella seconda prefazione Paulo Coelho dice di aver impiegato due settimane a scrivere questo capolavoro. Tanti anni di vita, problemi, momenti belli, viaggi, indecisioni e poi in sole due settimane è riuscito a condensare in meno di duecento pagine una storia bellissima piena di significati. La storia della sua vita ma anche la storia di tutti noi.

5. Il grande successo non è arrivato subito

La prima edizione vende appena 900 copie. È poi esploso nel 1990 con 85 Milioni di copie vendute.

6. Il libro

È un libro incredbile che non ha senso riassumere qui. È pieno di poesia, di storie vissute, un inno alla speranza e all’azione. Il pastore Santiago sono io, è il mio vicino di casa, sei tu. Mi diverte molto l’idea che ognuno di noi, mentre legge il libro, pensi alla propria vita. Qual è la fase che stai attraversando?

Sei nella fase in cui fai il pastore ma non sei convinto di fare questo mestiere tutta la vita?

Sei nella fase del viaggio e alla prima difficoltà decidi di tornare indietro?

Sei nella fase in cui riesci a vendere molti cristalli e a guadagnare molti soldi?

Sei nella fase in cui decidi di attraversare il deserto per cercare il tesoro?

Sei nella fase in cui hai appena incontrato gli occhi neri di Fatima?

Sei nella fase in cui hai incontrato l’Alchimista?

Sei stato appena rapiti dai guerrieri?

Sei nella fase in cui hai imparato a parlare il linguaggio del deserto e del vento?

Se non lo hai già fatto, leggi l’Alchimista, lo trovi d’ovunque, in una bancarella dei libri usati a 3 euro, nella libreria di casa o su qualche sito di libri usati. Passerai alcune ore avvolto dalla magia.

Le decisioni erano soltanto l’inizio di qualcosa. Quando si prendeva una decisione, in realtà si cominciava a scivolare in una forte corrente che ti portava verso un luogo mai neppure sognato al momento di decidere.

Paulo Coelho – l’Alchimista
L'Alchimista di Paulo Coelho

Conclusioni

  • Se desideri qualcosa con tutto il tuo cuore e le tue forze, qualcosa riesci ad ottenere. Magari non riesci a realizzare il tuo primo sogno ma qualcosa di bello riuscirai ad ottenere.
  • La vita è tortuosa. Ci sono momenti in cui crolla tutto addosso. Poi ci si rialza.
  • Per realizzare qualcosa di incredibile bastano 2 settimane
  • Il successo non arriva mai in poco tempo
  • Le idee vengono quando meno te lo aspetti
  • Se vuoi scrivere, leggi Paulo Coelho.
  • Se non lo hai già fatto, leggi l’Alchimista

Chi è Paulo Coelho

Paulo Coelho

Paulo Coelho de Souza è uno scrittore, poeta e blogger brasiliano. Nato a Rio de Janeiro il 24 agosto 1947 da una famiglia borghese di origini portoghesi, residente nel quartiere residenziale di Botafogo.
È considerato uno degli autori più importanti della letteratura mondiale. Le opere di Paulo Coelho sono state pubblicate in più di 170 paesi e tradotte in 72 lingue.
Prima che Coelho diventasse autore di best-seller è stato direttore teatrale, commediografo, hippy e noto autore di canzoni per alcune tra le più famose pop star brasiliane. Successivamente ha lavorato come giornalista e autore televisivo.


Link interessanti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *