Come pensare con la propria testa


Come pensare con la propria testa

Se il tuo obiettivo è scoprire nuove idee, il tuo motto non dovrebbe essere “fai ciò che ami” quanto “fai ciò che ti incuriosisce”.

Paul Graham

Traduzione italiana dell’essay «How to think for yourself» di Paul Graham.

Ci sono alcuni tipi di lavoro che non puoi svolgere bene senza pensare in modo diverso dai tuoi coetanei. Per essere uno scienziato di successo, ad esempio, non basta fare qualcosa di corretto.

Le tue idee devono essere corrette e nuove. Non puoi pubblicare articoli che dicano cose che altre persone già sanno. Devi dire cose che nessun altro ha ancora realizzato.

 Lo stesso vale per gli investitori. Non è sufficiente per un investitore, che investe nel mercato pubblico, prevedere correttamente come andrà un’azienda. Se molte altre persone fanno la stessa previsione, il prezzo delle azioni la rifletterà già e non c’è spazio per fare soldi. Le uniche informazioni preziose sono quelle che la maggior parte degli altri investitori non condivide.

Lo stesso modello si applica anche ai fondatori di startup. Non vuoi avviare una startup per fare qualcosa su cui tutti sono d’accordo che sia una buona idea, altrimenti ci saranno già altre aziende che lo stanno facendo.

Devi fare qualcosa che la maggior parte delle altre persone pensa sia una cattiva idea, ma che sai che non lo è – come scrivere software per un minuscolo computer utilizzato da poche migliaia di hobbisti, o avviare un sito per permettere alle persone di affittare materassini gonfiabili su pavimenti di sconosciuti.

Lo stesso vale per chi scrive testi o saggi. Un saggio che racconta alla gente cose che già sanno è noioso. Devi dire loro qualcosa di nuovo.

Ma questo approccio non è universale. In effetti, non vale per la maggior parte dei lavori.

Ad esempio per essere un amministratore, tutto ciò di cui hai bisogno è la prima metà. Tutto ciò di cui hai bisogno è avere ragione. Non è essenziale che tutti gli altri abbiano torto.

C’è spazio per una piccola novità nella maggior parte dei lavori, ma in pratica c’è una netta distinzione tra i tipi di lavoro in cui è essenziale essere indipendenti e quelli in cui non lo è.

Vorrei che qualcuno mi avesse parlato di questa distinzione quando ero bambino, perché è una delle cose più importanti a cui pensare quando decidi che tipo di lavoro vuoi fare. Vuoi fare il tipo di lavoro in cui puoi vincere solo pensando in modo diverso da tutti gli altri? Ho il sospetto che l’inconscio della maggior parte delle persone risponderà a questa domanda prima che la loro mente cosciente abbia la possibilità di farlo. Nel mio caso è successo così.

La mentalità indipendente sembra essere più una caratteristica che si ha dalla nascita più che qualcosa che possa essere allenato. Il che significa che se scegli il tipo di lavoro sbagliato, sarai infelice. Se hai una mentalità indipendente per natura, troverai frustrante essere un middle manager.

E se hai una mentalità per natura convenzionale, navigherai controvento se proverai a fare ricerche originali. Il problema è che spesso le persone si sbagliano e non capiscono se hanno la mentalità convenzionale o la mentalità indipendente.

Alle persone di mentalità convenzionale non piace pensare a se stesse come di mentalità convenzionale. E in ogni caso, a loro sembra di essere padroni delle loro decisioni. È solo una coincidenza che le loro convinzioni siano identiche a quelle dei loro coetanei.

E coloro che hanno una mentalità indipendente, nel frattempo, sono spesso inconsapevoli di quanto siano diverse le loro idee da quelle convenzionali, almeno fino a quando non le dichiarano pubblicamente. [1]

Quando raggiungono l’età adulta, le persone sanno approssimativamente quanto sono intelligenti (intelligenza intesa come capacità di risolvere problemi pre-impostati), perché vengono costantemente testate e classificate in base a questo principio.

Ma le scuole generalmente ignorano la mentalità indipendente, tranne nella misura in cui cercano di sopprimerla. Quindi non riceviamo nessun feedback su quanto siamo indipendenti.

Ci può anche essere il fenomeno Dunning-Kruger al lavoro, dove le persone di mentalità più convenzionale sono sicuri di essere di mentalità indipendente, mentre la mente indipendente si preoccupa di non avere una mentalità abbastanza indipendente.

Puoi rendere la tua mentalità più indipendente? Credo di si. Questa qualità può essere in gran parte innata, ma sembrano esserci modi per fortificarla, o almeno non per sopprimerla.

Una delle tecniche più efficaci è quella praticata involontariamente dalla maggior parte dei nerd: semplicemente essere meno consapevoli di quali siano i modi di pensare convenzionali.

È difficile essere conformisti se non sai a cosa dovresti conformarti. Anche se può darsi che queste persone abbiano già una mentalità indipendente.

Una persona di mentalità convenzionale probabilmente si sentirebbe ansiosa a non sapere cosa pensano gli altri e farebbe uno sforzo maggiore per scoprirlo.

Contano molto le persone di cui ti circondi. Se sei circondato da persone di mentalità convenzionale, ti sentirai più vincolato nell’esprimere le tue idee e questo a sua volta limiterà le tue idee.

Ma se ti circondi di persone dalla mentalità indipendente, vivrai l’esperienza opposta: sentire altre persone dire cose sorprendenti ti incoraggerà a fare lo stesso e a pensare di più.

Poiché le persone di mentalità indipendente trovano scomodo essere circondate da persone di mentalità convenzionale, tendono a stare solo con altre persone con la stessa mentalità indipendente quando hanno la possibilità di farlo.

Il problema con la scuola superiore è che non hanno ancora avuto la possibilità di fare queste scelte. Inoltre la scuola superiore tende ad essere un piccolo mondo chiuso dove tutti gli abitanti hanno poca fiducia in se stessi. Entrambi i fattori amplificano le forze del conformismo.

E così la fase della scuola superiore è spesso un brutto periodo per chi ha una mentalità indipendente.

Ma anche qui c’è un vantaggio: ti insegna cosa evitare. Se in seguito ti ritrovi in ​​una situazione che ti fa pensare “qui è come alla scuola superiore”, sai che dovresti andartene. [2]

Un altro luogo in cui le mentalità indipendenti e convenzionali vengono messe insieme è nelle startup di successo. I fondatori e i primi dipendenti hanno quasi sempre una mentalità indipendente; altrimenti non avrebbero avviato una nuova startup. Ma le persone di mentalità convenzionale superano di gran lunga quelle di mentalità indipendente, quindi man mano che l’azienda cresce, lo spirito originale di mentalità indipendente viene inevitabilmente diluito. Ciò causa tutta una serie di problemi oltre a quello più ovvio che l’azienda inizia a fare schifo.

Una delle cose più strane è che i fondatori parlano più liberamente con i fondatori di altre società che con i propri dipendenti. [3]

Fortunatamente non devi passare tutto il tuo tempo con persone dalla mentalità indipendente. È sufficiente averne uno o due con cui parlare regolarmente. E una volta che li trovi, di solito sono desiderosi di parlare quanto te; anche loro hanno bisogno di te.

Sebbene le università non abbiano più il tipo di monopolio che avevano un tempo sull’istruzione, le buone università sono ancora un ottimo modo per incontrare persone dalla mentalità indipendente.

La maggior parte degli studenti sarà ancora di mentalità convenzionale, ma almeno troverai gruppi di studenti dalla mentalità indipendente, di sicuro molti di più rispetto alle scuole superiori.

Funziona anche se vuoi andare nella direzione opposta: così come coltivare un piccolo gruppo di amici dalla mentalità indipendente, per cercare di incontrare più tipi diversi di persone che puoi. L’influenza dei tuoi amici più stretti (i tuoi peer) si ridurrà se hai molti altri gruppi di amici.

Inoltre, se fai parte di molti mondi diversi, puoi spesso importare idee da un mondo all’altro. Ma quando dico persone diverse non intendo demograficamente.

Perché questa tecnica funzioni, le persone devono pensare in modo diverso. Quindi, sebbene sia un’ottima idea andare a visitare altri paesi, probabilmente puoi trovare persone che la pensano in modo diverso proprio dietro l’angolo.

Quando incontro qualcuno che sa molto su qualcosa di insolito (che include praticamente tutti, se scavi abbastanza in profondità), cerco di imparare ciò che sanno che le altre persone non sanno.

Riesco a scovare sempre delle sorprese.

È un buon modo per fare conversazione quando incontri estranei, ma non lo faccio per fare conversazione. Voglio davvero sapere.

È possibile trovare nuove sorgenti che possono influenzarti nel tempo e nello spazio, leggendo la storia. Quando leggo la storia non lo faccio solo per sapere cosa è successo, ma per cercare di entrare nella testa di persone che hanno vissuto nel passato. Come sembravano le cose a loro? È difficile da fare, ma ne vale la pena per lo stesso motivo per cui vale la pena viaggiare lontano per triangolare un punto.

Puoi anche adottare tecniche più esplicite per impedirti di adottare automaticamente le opinioni convenzionali.

La principale è coltivare un atteggiamento di scetticismo. Quando senti qualcuno dire qualcosa, fermati e chiediti “È vero?” Non dirlo ad alta voce. Non sto suggerendoti di imporre a tutti coloro che ti parlano l’onere di provare quello che dicono, ma piuttosto di assumerti l’onere di valutare quello che dicono.

Trattalo come un puzzle. Sai che alcune idee accettate in seguito possono rivelarsi sbagliate. Vedi se riesci a indovinare quali. L’obiettivo finale non è trovare difetti alle cose che ti vengono dette, ma trovare le nuove idee nascoste dietro a quelle rotte. Quindi questo gioco dovrebbe essere un’entusiasmante ricerca di novità, non un noioso protocollo per la pulizia intellettuale.

E rimarrai sorpreso, quando inizierai a chiederti “È vero?”. Quante volte la risposta non è un sì immediato. Se hai immaginazione, è più probabile che tu abbia troppe piste da seguire piuttosto che troppo poche.

Più in generale il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di non far entrare nulla nella tua testa senza essere esaminato e le cose non sempre entrano nella tua testa sotto forma di affermazioni.

A volte siamo influenzati senza accorgercene. Come fai a notare questo tipo di influenze? Restando indietro e osservando come le altre persone costruiscono le loro idee.

Quando ti allontani a una distanza sufficiente, puoi vedere le idee diffondersi attraverso gruppi di persone come onde. Le più ovvie sono di moda: noti alcune persone che indossano un certo tipo di camicia, e poi sempre di più, finché metà delle persone intorno a te indossano la stessa maglietta.

Potrebbe non interessarti molto quello che indossi, ma ci sono anche mode intellettuali e sicuramente non vuoi far parte di quelle. Non solo perché vuoi essere padrone dei tuoi pensieri, ma perché è molto probabile che le idee fuori moda conducano a qualcosa di interessante. Il posto migliore per trovare idee nuove è andare a cercare dove nessun altro sta cercando. [4]

Per andare oltre questo consiglio generale, dobbiamo guardare alla struttura interna della mentalità indipendente – ai singoli muscoli che dobbiamo esercitare.

Chi ha la mentalità indipendente ha tre caratteristiche: pignoleria sulla verità, resistenza a sentirsi dire cosa pensare e curiosità.

La pignoleria sulla verità significa molto di più che non credere a cose false. Significa stare attenti al grado di convinzione. Per la maggior parte delle persone, il grado di convinzione precipita facilmente verso gli estremi senza un’attenta analisi: l’improbabile diventa impossibile e il probabile diventa certo. [5] Per chi ha una mentalità indipendente, questo sembra imperdonabilmente sciatto. Sono disposti ad avere qualsiasi cosa nella loro testa, da ipotesi altamente speculative a tautologie (apparenti), ma sugli argomenti a cui tengono, tutto deve essere etichettato con un grado di credenza attentamente considerato. [6]

Le mentalità indipendenti hanno quindi orrore delle ideologie, che richiedono di accettare contemporaneamente una serie di credenze e di trattarli come articoli di fede. A una persona di mentalità indipendente sembrerà rivoltante, proprio come potrebbe sembrare a qualcuno esigente in fatto di cibo dare un morso a un panino riempito con una grande varietà di ingredienti di età e provenienza indeterminate.

Senza questa meticolosità sulla verità, non puoi essere veramente indipendente. Non è sufficiente non accettare di farti dire a cosa devi pensare. Questo tipo di persone rifiuta le idee convenzionali solo per sostituirle con delle teorie del complotto più o meno casuali. E poiché queste teorie del complotto sono state spesso fabbricate per catturarle, finiscono per avere una mentalità meno indipendente rispetto alla gente comune, perché sono soggette a un maestro molto più esigente rispetto alla convenzione. [7]

Puoi aumentare la tua meticolosità riguardo alla verità? Penso di sì. Nella mia esperienza, il solo pensiero a qualcosa di cui sei esigente fa crescere quella meticolosità. Se è così, questa è una di quelle rare virtù di cui possiamo averne di più semplicemente volendola. E se è come altre forme di pignoleria, dovrebbe anche essere possibile incoraggiarla nei bambini. Di certo ne ho avuto una forte dose da mio padre. [8]

La seconda componente della mentalità indipendente, la resistenza a sentirsi dire cosa pensare, è la più visibile delle tre. Ma anche questo concetto è spesso frainteso. Il grosso errore che le persone fanno a riguardo è considerarla una qualità meramente negativa. Il linguaggio che usiamo rafforza questa idea. Non sei convenzionale. Non ti importa cosa pensano gli altri. Ma non è solo una sorta di immunità. Nelle persone di mentalità più indipendente, il desiderio di non sentirsi dire cosa pensare è una forza positiva. Non è semplice scetticismo, ma un piacere attivo nelle idee che sovvertono la saggezza convenzionale, più è contro-intuitivo, meglio è.

Alcune delle idee più nuove sembravano all’epoca degli scherzi. Pensa quanto spesso la tua reazione a una nuova idea è ridere. Non penso sia perché le idee nuove sono divertenti di per sé, ma perché la novità e l’umorismo condividono un certo tipo di sorpresa. Ma sebbene non siano identici, i due sono abbastanza vicini che esiste una correlazione definita tra avere un senso dell’umorismo e avere una mentalità indipendente, proprio come c’è tra essere privi di umorismo e avere una mentalità convenzionale. [9]

Non credo che possiamo aumentare in modo significativo la nostra resistenza a sentirci dire cosa pensare. Sembra la più innata delle tre componenti della mentalità indipendente; le persone che hanno questa qualità da adulti di solito ne hanno mostrato segni fin troppo visibili da bambini. Ma se non possiamo aumentare la nostra resistenza a che ci venga detto cosa pensare, possiamo almeno sostenerlo, circondandoci di altre persone dalla mentalità indipendente.

La terza componente della mentalità indipendente, la curiosità, potrebbe essere la più interessante. Se possiamo rispondere alla domanda dove provengono le nuove idee, sicuramente una risposta è la curiosità. Questo è ciò che le persone di solito provano prima di avere una nuova idea.

Nella mia esperienza, indipendenza mentale e curiosità si predicono perfettamente a vicenda. Tutti quelli che conosco che hanno una mentalità indipendente sono profondamente curiosi, e tutti quelli che conosco che hanno una mentalità convenzionale non lo sono. Tranne, curiosamente, i bambini. Tutti i bambini piccoli sono curiosi. Forse il motivo è che anche chi ha una mentalità convenzionale deve essere curioso all’inizio, al fine di apprendere quali sono le convenzioni. Mentre gli indipendenti sono i golosi della curiosità, che continuano a mangiare anche dopo che sono sazi. [10]

Le tre componenti della mentalità indipendente lavorano insieme: la meticolosità sulla verità e la resistenza a sentirsi dire cosa pensare lasciano spazio nel tuo cervello, e la curiosità trova nuove idee per riempirlo.

È interessante notare che le tre componenti possono sostituirsi a vicenda più o meno allo stesso modo dei muscoli. Se sei sufficientemente esigente riguardo alla verità, non hai bisogno di resistere al fatto che ti venga detto cosa pensare, perché la pignoleria da sola creerà sufficienti lacune nella tua conoscenza. E uno può compensare la curiosità, perché se crei abbastanza spazio nel tuo cervello, il tuo disagio per il vuoto risultante aggiungerà forza alla tua curiosità. Oppure la curiosità può compensare le altre due componenti: se sei sufficientemente curioso, non hai bisogno di liberare spazio nel tuo cervello, perché le nuove idee che scopri faranno uscire quelle convenzionali che hai acquisito di default.

Poiché le componenti della mentalità indipendente sono così intercambiabili, puoi averle a vari livelli e ottenere comunque lo stesso risultato. Quindi non esiste un unico modello di indipendenza mentale. Alcune persone di mentalità indipendente sono apertamente sovversive e altre sono silenziosamente curiose. Tuttavia, tutti conoscono la stretta di mano segreta.

C’è un modo per coltivare la curiosità? Per cominciare, devi evitare le situazioni che la sopprimono. Quanto il lavoro che stai facendo attualmente stimola la tua curiosità? Se la risposta è “non molto”, forse dovresti cambiare qualcosa.

Il passo più importante che puoi compiere per coltivare la tua curiosità è probabilmente cercare gli argomenti che stimolano la tua curiosità. Pochi adulti sono ugualmente curiosi di tutto e non sembra che tu possa scegliere quali argomenti ti interessano. Quindi sta a te trovarli. Oppure inventali, se necessario.

Un altro modo per aumentare la tua curiosità è assecondarla, indagando sulle cose che ti interessano. La curiosità è diversa dalla maggior parte degli altri appetiti: se l’assecondi tende ad aumentare piuttosto che a diminuire. Le domande portano più domande.

La curiosità sembra essere più individuale della meticolosità sulla verità o della resistenza a sentirsi dire cosa pensare. Persone molto diverse tra loro possono essere curiose di cose molto differenti. Quindi forse la curiosità è la caratteristica chiave. Se il tuo obiettivo è scoprire nuove idee, il tuo motto non dovrebbe essere “fai ciò che ami” quanto “fai ciò che ti incuriosisce”.

(Paul Graham, «How to think for yourself», novembre 2020)

Note

[1] Una comoda conseguenza del fatto che nessuno si identifica con una persona di mentalità convenzionale è che puoi dire quello che ti piace delle persone di mentalità convenzionale senza finire nei guai. Quando ho scritto “I quattro quadranti del conformismo” (http://www.paulgraham.com/conformism.html) mi aspettavo una tempesta di rabbia da parte delle persone di mentalità convenzionale, ma in realtà non successe nulla. Hanno percepito che c’era qualcosa di molto fastidioso nell’articolo, ma hanno avuto difficoltà a trovare un passaggio specifico con cui prendersela.

[2] Quando mi chiedo cosa c’è di simile alle scuole superiori, la mia risposta è Twitter. Non è solo pieno di persone dalla mentalità convenzionale (è normale dato che raccoglie milioni di persone) ma è anche soggetto a violente tempeste di mentalità convenzionale che mi ricordano le descrizioni di Giove. Ma anche se potrebbe sembrare solo una perdita di tempo, twitter mi ha fatto riflettere di più sulla distinzione tra mentalità indipendente e convenzionale, cosa che probabilmente non sarei riuscito a fare senza.

[3] La diminuzione della mentalità indipendente nelle startup nella fase di crescita è ancora un problema, ma potrebbero esserci delle soluzioni. I fondatori possono ritardare il sforzandosi di assumere persone dalla mentalità indipendente. Il che ovviamente ha anche il vantaggio ulteriore di continuare ad avere idee migliori.

Un’altra possibile soluzione è creare delle regole aziendali che in qualche modo interrompano la forza del conformismo, proprio come le barre di controllo rallentano le reazioni a catena, in modo che le mentalità convenzionali non siano così pericolose. La separazione fisica di Skunk Works all’interno di Lockheed (azienda americana che produce aerei militari) potrebbe aver avuto questo come vantaggio collaterale. Esempi recenti suggeriscono che i forum tipo Slack per i dipendenti potrebbero non essere un bene assoluto.

La soluzione più radicale è aumentare i ricavi senza far crescere l’azienda. Pensi che assumere quella persona di PR junior sarà economico, rispetto a un programmatore, ma quale sarà l’effetto sul livello medio di indipendenza nella tua azienda? (La crescita del resto del personale rispetto ai docenti sembra aver avuto un effetto simile sulle università).

Forse la regola sull’esternalizzazione del lavoro non legato alle competenze principali dovrebbe essere sostituita da quella sull’esternalizzazione del lavoro svolto da persone che possono rovinare la cultura dell’azienda. Alcune società di investimento sembrano già essere in grado di aumentare i ricavi senza aumentare il numero di dipendenti. L’automazione e l’impiego sempre crescente della tecnologia potrebbero renderlo possibile in futuro anche per le aziende di prodotto.

[4] Esistono mode intellettuali in ogni campo, ma la loro influenza varia. La politica, ad esempio, tende a essere noiosa perché estremamente soggetta a queste mode. La soglia per avere opinioni sulla politica è molto più bassa di quella per avere opinioni sulla teoria degli insiemi. Quindi, anche se esistono alcune idee in politica, in pratica tendono ad essere sommerse da ondate di mode intellettuali.

[5] Le mentalità convenzionali sono spesso ingannate dalla forza delle loro opinioni. Per questo motivo questo tipo di persone crede di avere una mentalità indipendente. Ma le forti convinzioni non sono un segno di indipendenza mentale. Piuttosto l’opposto.

[6] La meticolosità sulla verità non implica che una persona di mentalità indipendente non possa essere disonesta, ma implica che non si lascerà deludere. È un po’ come la definizione di un gentiluomo come qualcuno che non è mai involontariamente scortese.

[7] Lo vedi soprattutto tra gli estremisti politici. Si credono anticonformisti, ma in realtà sono conformisti di nicchia. Le loro opinioni possono essere diverse da quelle della persona media, ma spesso sono più influenzate dalle opinioni dei loro coetanei rispetto a quelle della persona media.

[8] Se ampliamo il concetto di meticolosità sulla verità in modo da escludere compiacenza, falsità e pomposità così come falsità in senso stretto, il nostro modello di mentalità indipendente può espandersi ulteriormente nelle arti.

[9] Tuttavia, questa correlazione è tutt’altro che perfetta. I matematici Gödel e Dirac non sembrano essere stati molto forti con l’umorismo. Ma è molto probabile che qualcuno che sia “neurotipico” e privo di senso dell’umorismo abbia una mentalità convenzionale.

[10] Eccezione: i pettegolezzi. Quasi tutti sono curiosi dei pettegolezzi.

Grazie a Trevor Blackwell, Paul Buchheit, Patrick Collison, Jessica Livingston, Robert Morris, Harj Taggar e Peter Thiel per aver letto le bozze di questo articolo.


Puoi seguirmi qui


Chi è Paul Graham?

Paul Graham

Paul Graham è un programmatore, scrittore e investitore. Nel 1995, lui e Robert Morris hanno creato Viaweb, il primo software come società di servizi. Viaweb è stata acquisita da Yahoo nel 1998 ed è diventata Yahoo Store. Nel 2001 ha iniziato a pubblicare saggi su paulgraham.com, che ora ottiene circa 15 milioni di pagine viste all’anno. Nel 2005 lui e Jessica Livingston, Robert Morris e Trevor Blackwell hanno fondato Y Combinator, il primo di un nuovo tipo di incubatore di startup. Dal 2005 Y Combinator ha finanziato oltre 2000 startup, tra cui Airbnb, Dropbox, Stripe e Reddit. Nel 2019 ha pubblicato un nuovo dialetto di Lisp chiamato Bel.

Paul Graham è l’autore di On Lisp (Prentice Hall, 1993), ANSI Common Lisp (Prentice Hall, 1995) e Hackers & Painters (O’Reilly, 2004). Ha conseguito un Bachelor of Arts in filosofia presso la Cornell University e un Phd in Computer Science presso l’università di Harvard, e ha studiato pittura al RISD e all’Accademia di Belle Arti di Firenze.


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.