Come Scrivere un libro? 33 consigli di Stephen King


I consigli su come scrivere un libro di Stephen King. On writing Autobiografia di un mestiere.

Scrivere è magia, acqua di vita, al pari di qualsiasi attività creativa.

Stephen King – On writing

Ma è possibile capire nel dettaglio come scrivere un libro leggendo questo articolo?

Te lo dico subito, la risposta è no.

Quello che potrai ottenere è una serie di consigli pratici da uno dei più prolifici scrittori degli ultimi decenni. “On writing” di Stephen King è una miniera di preziose informazioni e dritte su come scrivere un libro.

Se vuoi uno diventare uno scrittore o più semplicemente vuoi scrivere un tuo racconto non puoi perderti questo libro. Non ci sono solo consigli su come scrivere un libro ma anche tanti aneddoti sulla vita di Stephen King e su come sia impegnativo, duro ma anche piacevole fare lo scrittore.

Ho cercato di raccogliere tutti i suoi 33 consigli.

1. Leggi un sacco

Leggere, Leggere, Leggere. Leggi di tutto. Non esistono scorciatoie o formule magiche. Leggere sempre tutti i giorni senza mollare mai. Stephen King divora circa 80 libri all’anno, quasi tutti romanzi. Non lo fa per diventare bravo nel mestiere ma perché ama leggere.

La lettura costituisce il nucleo creativo della vita di un autore.

La lettura rende più creativi. Aiuta a creare storie.

Se avessi un nichelino per ogni tizio che mi ha detto di volere intraprendere questa carriera, ma di essere a corto di ore da dedicare alla lettura, sarei in grado di pagarmi una succosa bistecca. A costo di essere brutalmente sincero, se non avete tempo per leggere, non avete nemmeno tempo (o gli attrezzi necessari) per scrivere. Punto e basta.

Stephen King – On writing

2. Scrivi un sacco

Se volete diventare scrittori, dovete leggere e scrivere un sacco. Che io sappia, non ci sono alternative o scorciatoie.

Stephen King – On writing

Scrivere, Scrivere, Scrivere. Non esistono scorciatoie o formule magiche. Scrivere sempre tutti i giorni senza mollare mai. L’idea comune è che lo scrittore sia il creativo illuminato dall’idea folgorante che poi inzia a scrivere ed in poco tempo produce il best-seller. Sono solo leggende.

Vuoi la verità su cosa significa scrivere un libro? Lo zio Steve King racconta il vero “mestiere” dello scrittore fatto di sacrifici e routine giornaliera. Scrivere sempre, ogni giorno anche quando non si ha la minima voglia.

Scrivere non centra con i soldi, diventare famosi, rimorchiare senza problemi, scopare facile o farsi un sacco di amici. Alla fin fine, il nocciolo della questione è arricchire la vostra esistenza e quella dei lettori.

Stephen King – On writing

3. Spaccati il culo

Se non siete disposti a spaccarvi il culo in quattro, non provate nemmeno a tentare di scrivere bene: accontentatevi di essere decenti e già di questo ringraziate il cielo.

Stephen King – On writing
Stephen King, uno degli scrittori più profilici degli ultimi decenni

4. Se vuoi scrivere un libro, rispetta la tabella di marcia

Uno degli aspetti più importanti nella scrittura di un libro è la tabella di marcia.

Costruisci la tabella di marcia più adatta a te e ai tuoi impegni: ti puoi svegliare alle 6:00 di mattino, scrivere per due ore prima di andare al lavoro oppure puoi scrivere la sera tardi quando hai messo al letto i tuoi figli oppure puoi scrivere nella pausa pranzo.

L’unica cosa su cui non puoi scherzare è sul fatto di rispettare la tua tabella di marcia.

Una tabella di marcia è fatta da:

  • un intervallo di tempo quotidiano dedicato alla scrittura (la mattina 6:00-8:00 oppure la sera 21:30-23:30)
  • un obiettivo quotidiano fatto di un certo numero di parole da scrivere ogni giorno
  • un lavoro per poter pagare le bollette
  • del tempo per stare con la tua famiglia
  • del tempo per tenerti in forma fisicamente
  • degli intervalli di tempo da dedicare alla lettura.

La mia personale tabella di marcia è piuttosto rigorosa. La mattina mi impegno sul materiale nuovo. Il pomeriggio dormicchio e rispondo alle lettere. La sera sto con la mia famiglia, leggo, guardo in tivù le partite dei Red Sox e sbrigo un paio di revisioni improrogabili. Di norma le prime ore della giornata sono dedicate alla creazione.

Stephen King – On writing

L’autore Anthony Trollope, impiegato delle Poste inglesi, sgobbava ogni mattina per due ore e mezzo prima di recarsi in ufficio. Aveva una ferrea tabella di marcia. Se allo scadere del tempo prestabilito era a metà frase, non la completava fino al giorno successivo.

Non esistono scorciatotie, bisogna sgobbare ogni giorno con una tabella di marcia ben definita.

Stephen King non riesce ad andare a dormire soddisfatto se non ha scritto le sue 2000 parole quotidiane.

Se vuoi veramente sapere come scrivere un libro, segui questa semplice regola.

5. Hai tre mesi di tempo

La prima stesura di un libro non dovrebbe portar via più di tre mesi, dice Steve. Lui tiene una media di dieci pagine al giorno, circa 2000 parole. Circa 900 pagine in tre mesi.

Su quanto tempo si impiega per scrivere la prima stesura di un libro ogni scrittore ha la sua esperienza ed ogni libro è una storia a se: si va dalle due settimane impiegate da Paulo Coelho per scrivere l’Alchimista fino ai 6 anni di J. K. Rowling per scrivere le 304 pagine di Harry Potter e la pietra filosofale.

6. Fissa un obiettivo giornaliero

Come per l’esercizio fisico puoi fissare, all’inizio, un obiettivo raggiungibile in modo da non scoraggiarti. Steve consiglia un miglialio di parole al giorno.

Ti concede di staccare per ventiquattro ore a settimana, ma solo i primi tempi.

L’obiettivo giornaliero scritto su carta è qualcosa di potentissimo. Scrivi sul tuo quaderno o su un post-it. Dopo averlo scritto la tua mente si metterà al lavoro sapendo che deve rispettare quell’obiettivo.

7. Scegli dove scrivere

Vi servono una stanzetta, una porta, la risolutezza per chiuderla e un obiettivo concreto.

Stephen King – On writing
Stephen King che scrive nella sua stanzetta

La porta è fondamentale. Serve a tenere fuori il resto dell’umanità ma anche non farti uscire.

Avere un luogo tutto per te è fondamentale per mantenere la tabella di marcia. Una volta entrato, chiudi la porta. Non ti resta che raggiungere il tuo obiettivo quotidiano. Non hai scuse.

8. Elimina le distrazioni

Per tutti gli autori, ma in particolare per quelli in erba, è consigliabile eliminare le fonti di distrazione. Proseguendo a scrivere, le filtrerete spontaneamente, ma sulle prime è meglio risolvere il problema alla radice.

Stephen King – On writing

Elimina le distrazioni: smartphone spento o in un altra stanza, niente notifiche, zero social, niente TV.


Se vuoi approfondire il tema della capacità di concentrasi senza distrazioni leggi l’articolo dedicato al libro di Cal Newport “Deep Work”


Cosa fare però con le distrazioni che non puoi eliminare? La vita è fatta anche di questi piccoli disturbi che non puoi eliminare a meno di non voler restare solo o sola e separarti dal coniuge. Devi accettare alcune piccole distrazioni, fanno parte della vita. Se le accetti, ti sentirai meno frustrato e potrai proseguire con la tua tabella di marcia.

Delle volte queste piccole distrazioni possono giocare a tuo favore, alcune idee nascono proprio da queste piccole interruzioni inevitabili. È l’effetto spazzatura. “Puoi buttarmi la spazzatura?”

L’estro creativo può essere interrotto da mia moglie, pronta ad informarmi che il cesso è intasato e sarà meglio aggiustarlo, o da una chiamata dall’ufficio per avvertirmi che mi trovo nel periocolo imminente di saltare l’ennesimo appuntamento dal dentista.

Ho scoperto che le distrazioni dalla routine quotidiana non danneggiano poi molto un progetto in fase di realizzazioneò anzi, in un certo senso rischiano anche di agevolarlo. In fondo, la perla nasce dal granello di sabbia penetrato nella conchiglia.

Stephen King – On writing

9. Decidi cosa scrivere

Cosa diavolo scrivere oggi? Da dove inzio? È capitato anche a te a scuola di fronte al foglio bianco? La risposta di Steve è:

  1. “Scrivete di che cazzo vi pare. Davvero a patto che diciate la verità.”
  2. “Parlate di ciò che conoscete e apprezzate”
  3. “Partite a scrivere di ciò che amate leggere”

Scrivete ciò che vi piace, poi rendetelo vibrante e inconfondibile arricchendolo con le vostre esperienze di vita, di amicizia, rapporti di coppia, sesso e lavoro. Soprattutto lavoro. I lettori ne vanno pazzi, chissà perchè. Se siete idraulici appassionati di fantascienza, potete escogitare un romanzo con un idraulico su un’astronave o un pianeta alieno.

Stephen King – On writing

10. Padroneggia il vocabolario

Il vocabolario è il primo strumento della cassetta degli attrezzi di uno scrittore. Non ti sforzare però ad utilizzare paroloni che non fanno parte di te e del tuo vocabolario, “Sarebbe come vestire da sera il cagnetto di casa”.

Sii semplice e diretto.

11. Non farti ossessionare dalla grammatica

La grammatica è imporante ma non deve nemmeno diventare un’ossessione.

Nomi e verbi sono i due ingredienti indispensabili della scrittura. La sempolicità è tutto. Il miglior verbo dichiarativo è dire.

12. Lascia perdere la forma passiva

Lascia perdere la forma passiva. Non è snella e non fa altro che appensantire.

13. L’avverbio non è tuo amico

L’avverbio appesantisce un racconto. Sembra essere stato inventato per lo scrittore timido che teme di non esprimersi chiaramente.

14. Scrivi paragrafi brevi

Il paragrafo è l’unità di testo formata da uno o più periodi. Dopo un paragrafo si va a capo.

I lbri facili hanno molti paragrafi brevi, quelli difficili sono più compatti e con pochi spazi già al primo sguardo. I paragrafi sono importanti per l’aspetto quanto per il contenuto.

I paragrafi sono inoltre uno strumento per dare il ritmo ad una storia. Meglio non riflettere molto su questo mentre si scrive si può agire poi durante la fase della revisione.

Bisogna imparare a padroneggiare il paragrafo se si vuole scrivere bene

Stephen King – On writing

15. Non fidarti della trama

Stephen King che succhia la cannuccia

Una struttura rigida non è compatibile con la spontaneità della vera creazione.

Steve non pianifica mai a tavolino la trama. Parte da un contesto e dai personaggi e poi si lascia guidare dalla storia stessa e dalle intuizioni. Vuole che i personaggi agiscano di testa loro.

Non sa mai come andrà a finire una storia fino a che non l’avrà finita di scrivere.

Vi prego di rammentare l’enorme differenza tra storia e trama. La prima è sincera e affidabile, la seconda subdola e passibile di arresti domiciliari.

Stephen King – On writing

16. Fai una descrizione efficace

Scrivere una descrizione effiace è un’arte. Una buona descrizione cattura i sensi del pubblico e lo coinvolge nella storia. L’unico modo per imparare a scrivere buone descrizioni è fare tanta pratica. Scrivere, scrivere, scrivere.

Per me, una descrizione efficace consiste in pochi particolari scelti con cura per dare un’idea del resto. Nella maggior parte dei casi, sono i primi che vengono in mente

Stephen King – On writing

Costruisci un buon dialogo lasciando parlare liberamente i personaggi senza tanti preconcetti.

Il dialogo è vero solo se rispecchia un dialogo reale. La sincerità è fondamentale.

Nessun bimbo è mai corso dalla mamma urlando che la sorellina ha defecato nella vasca da bagno. Magari azzarderà un si è liberata o ha fatto un bisognino, ma temo che ha cagato sia un’approssimazione adeguata.

Stephen King – On writing

18. Costruisci un buon personaggio

Il vostro compito si riduce a due punti essenziali:

1. prestate attenzione al comportamento di chi avete intorno

2. non mentite su quanto visto

Stephen King – On writing

I personaggi inventati arrivano dalla vita reale e poi con il tempo prendono vita fino ad agire per conto proprio.

E se porterete a termine la vostra missione, i vostri personaggi prenderanno vita, cominciando ad agire per conto proprio. D’accordo, se non l’avete mai sperimentato suona abbastanza inquietante, ma quando accade è una vera goduria.

Stephen King – On writing

19. Fai emergere il Tema solo alla fine

La vostra missione, durante o subito dopo la prima stesura, consiste nel decidere su quale (o quali) qualcosa sia imperniato il vostro lavoro. Una delle vostre missioni nel corso della seconda stesura è rendere quel qualcosa ancora più evidente.

Stephen King – On writing

Non partire mai dal tema e dalla trama decisi a tavolino. Scrivi una storia. Solo quando avrai terminato capirai a fondo il tema. Durante la seconda stesura lo farai emergere ancora in modo più forte.

20. Esci dalla strada senza uscita

La noia può essere un’ottima cura se avete imboccato una strada all’apparenza senza uscita

Stephen King – On writing

Ci sono dei momenti in cui la storia sembra fuori controllo, troppo complicata e poco chiara. Stai per abbandonare il progetto. Improvvisamente arriva l’intuizione che che ti aiuta a trovare la via d’uscita. Invece di passare ad un nuovo progetto Steve fa una pausa e una bella passeggiata. Proprio in questi momenti arriva l’intuizione risolutiva.

21. Organizza la fase di revisione

Una regola molto semplice. Due bozze e un ritocco generale.

La prima stesura dovrebbe essere creata senza aiuti o interferenze esterni. Scrivere con la porta chiusa aiuta perché ti obbliga a concentrati sulla vicenda.

22. Fermati 6 settimane prima della seconda stesura

Dopo la prima stesura il libro va fatto riposare almeno sei settimane. Ti dovrai quasi dimenticare il racconto, in questo periodo avrai voglia di rileggere ma dovrai resistere. Quando arriverà il momento ti chiuderai nella tua stanzetta e ti metterai al lavoro.

Amo questo stadio del lavoro (in realtà li adoro tutti quanti, ma questo è particolarmente gradevole) perchè riscopro il mio libro, rendendomi conto che mi piace.

Stephen King – On writing

23. Taglia il 10% nella seconda stesura

Nel corso della seconda stesura taglia tutte le frasi e le parole inutili. Segui la seguente regola:

seconda stesura = prima stesura – 10%

Gran parte del cervello si focalizza sulla storia e sui classici problemi da cassetta degli attrezzi. Elimino pronomi, aggiungo frasi esplicative dove necessario e, ovviamente, cancello gli avverbi dai quali mi sento di potermi separare.

Stephen King – On writing

24. Fai leggere il tuo libro a quattro o cinque amici intimi

Molti manuali di scrittura mettono in guardia dal chiedere agli amici di leggere i propri libri perchè non si ottiene un’opinione imparziale. In realtà se tutti i tuoi amici ti dicono che c’è qualche problema, qualche difetto esiste sul serio.

In aggiunta alla prima lettura di Tabby, di solito invio il dattiloscritto a quattro o cinque persone che hanno analizzato i miei lavori nel corso degli anni.

Certi primi lettori sono specializzati nell’individuare sviste superficiali, le più semplici da correggere.

Stephen King – On writing

25. Battezza il tuo lettore ideale

Una volta che hai creato il tuo lettore ideale, lui sarà sempre con te nella tua stanzetta.

26. Inserisci un retroscena

Tutti hanno una storia e per lo più non è interessante. Limitatevi alle poche parti che lo sono e non lasciatevi distrarre dal resto.

Stephen King – On writing

27. Fai qualche ricerca sui fatti reali

Non scrivere mai di cose che non sai, non essere approssimativo. Prima di scrivere fai delle ricerche per verificare come sono andati i fatti veramente.

28. Non frequentare corsi di scrittura creativa

Non esistono ricette segrete che possano essere svelate. I corsi di scrittura creativa servono a dar lavoro a chi ci insegna.

L’unico metodo per imparare a scrivere consiste nel leggere e scrivere un sacco. Le esperienze più efficaci sono quelle da autodidatta.

29. Scrivi per te stesso

Scrivi per stare meglio e per realizzare te stesso. Non scrivere per compiacere gli altri, per diventare famoso o per soldi.

Scrivo perchè mi sento realizzato. Lo faccio per la scarica di adrenalina, perchè mi da gioia e, proprio per questo, continuerei all’infinito.

Stephen King – On writing

30. Hai due segreti per il successo

Sto fisicamente bene e sono sposato

Stephen King – On writing

Tenere in forma il tuo fisico e la tua mente con dei rapporti soddisfacenti sono due segreti per avere successo in qualsiasi ambito della vita.

31. Metti la tua scrivania nell’angolino

Mettete la scrivania nell’angolino e, ogni volta che vi sedete a scrivere, ricordatevi perchè non è al centro della stanza. La vita non deve essere a sostegno dell’arte, ma viceversa.

Stephen King – On writing

32. Sgobba ogni santo giorno

Un giorno sostenevo nelle interviste di sgobbare ogni santo giorno tranne Natale, il Quattro Luglio e il mio compleanno. Era una bugia che raccontavo ai giornalisti perchè funzionava e non era troppo stupida. E poi perchè non volevo passare per uno stacanovista mezzo sfigato.

La verità è che, se scrivo, scrivo di continuo, sfigato o meno; compresi Natale, il Quattro Luglio e il fottuto compleanno, che alla mia età mi sforzo di ignorare.

Stephen King – On writing

33. Non mollare mai

Steve racconta di essere tornato a scrivere solo dopo 5 settimane dal terribile incidente d’auto in cui rischiò la vita. In quelle sue frasi c’è l’essenza di cosa significhi non mollare mai.

A cinque settimane dall’incidente con la monovolume di Bryan Smith, ricominciai a scrivere.

Il dolore all’anca era al di là di ogni immaginazione. E le cinqucento parole d’esordio furono un supplizio, quasi non avessi mai scritto niente in vita mia.

Quel pomeriggio non ci fu nemmeno un briciolo di ispirazione, solo una specie di cocciuta testardaggine, unita alla speranza che la situazione sarebbe migliorata se avessi insistito.

Stephen King – On writing

Conclusioni

  • Per scrivere un buon libro il segreto è leggere tanto e scrivere tanto. Non ci sono alternative.
  • È fondamentale rispettare la tabella di marcia. Stephen King non riesce ad andare a dormire soddisfatto se non ha scritto le sue 2000 parole quotidiane.
  • La prima stesura di un libro non dovrebbe portar via più di tre mesi. Stephen King tiene una media di dieci pagine al giorno, circa 2000 parole. In tre mesi riesce a scrivere una prima bozza di 900 pagine.
  • Fissa un obiettivo giornaliero minimo di parole al giorno. Come per l’esercizio fisico puoi fissare, all’inizio, un obiettivo raggiungibile in modo da non scoraggiarti. Stephen King consiglia almeno 1000 parole al giorno.
  • Scegli un tuo luogo per scrivere il tuo libro. Una stanza è perfetta a patto di chiudere la porta.
  • Elimina le distrazioni che puoi eliminare.
  • Scrivi ciò che conosci e apprezzi. Scrivi ciò che ti piacerebbe leggere.
  • Non pianificare a tavolino la trama, lasciati guidare dalla storia mentre scrivi. Pagina dopo pagina ti accorgerai che i personaggi che hai creato agiranno di testa loro.
  • I personaggi inventati arrivano dalla vita reale e poi con il tempo prendono vita fino ad agire per conto proprio.
  • Quando sei in un vicolo cieco o non sai cosa scrivere, fai una pausa e una bella passeggiata.
  • Organizza così il processo di revisione del libro:
    • Fai una prima stesura del libro. Chiudi la porta della tua stanzetta quando scrivi.
    • Lascialo riposare per 6 settimane e resisti alla tentazione di rileggerlo.
    • Poi rileggilo quando nemmeno ti ricorderai cosa hai scritto. Nel corso di questa seconda stesura taglia tutte le frasi e le parole inutili.
      • seconda stesura = prima stesura – 10%
    • È giunto il momento di spalancare la porta e mostrare il tuo operato ai tuoi quattro amici intimi.
  • Battezza il tuo lettore ideale, la persona per cui vuoi scrivere, lui sarà sempre con te nella tua stanzetta.
  • Non scrivere mai di cose che non sai, non essere approssimativo. Prima di scrivere fai delle ricerche per verificare come sono andati i fatti veramente.
  • Non frequentare corsi di scrittura creativa. Le esperienze più efficaci sono quelle da autodidatta.
  • Scrivi per stare meglio e per realizzare te stesso. Non scrivere per compiacere gli altri, per diventare famoso o per soldi.

In una parte del libro vi ho spiegato come ho imparato il mio mestiere. In un’altra ancora ho cercato di insegnarvi a crescere professionalmente. In un’altra ancora, probabilmente la migliore, vi ho dato carta bianca: potreste e dovreste farcela, e se avrete il coraggio di cominciare, ce la farete. Scrivere è magia, acqua di vita, al pari di qualsiasi attività creativa. L’acqua è gratis. Forza, bevete.

Bevete e dissetatevi.

Stephen King – On writing

Chi è Stephen King?

Stephen King

Stephen Edwin King nato a Portland il 21 settembre 1947 è uno scrittore e sceneggiatore statunitense, uno dei più celebri autori di letteratura fantastica, in particolare horror, del XX e XXI secolo. Nel corso della sua carriera iniziata nel 1974 con Carrie, ha pubblicato oltre ottanta opere vendendo oltre 500 milioni di copie. Per saperne di più leggi il mio post La vita noiosa (pazzesca) di Stephen King.


Link e contenuti Interessanti su come scrivere un libro

Link Interessanti su Stephen King


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *