Qual è il futuro della terra? La scommessa di Kevin Kelly

Kevin Kelly, Quale sarà il futuro della tra 25 anni?

Quale sarà il futuro della terra tra 25 anni?

Questa è la domanda che si sono fatti Kevin Kelly e Kirk Sale nel 1995.
Nel 1995 Amazon non aveva ancora un anno, Microsoft lanciava Windows 1995, nessuno aveva un telefono mobile e internet era qualcosa per pochi ricercatori. Beh, in quell’anno Kevin Kelly e Kirk Sale hanno fatto una scommessa. Venticinque anni dopo Kevin Kelly ci racconta come è andata a finire sul suo blog.

È una storia di ottimismo e fiducia nel futuro dell’uomo che mi sono offerto di tradurre in Italiano e pubblicare qui nel mio blog con l’approvazione di Kevin Kelly.

La nostra scommessa di 25 anni

Traduzione italiana dell’articolo “Concluding our 25 year bet” di Kevin Kelly.

Venticinque anni fa ho fatto una scommessa sulle pagine di Wired. Era una scommessa se il mondo fosse crollato entro il 2020. Ho scommesso alla fine di un’intervista che ho condotto con l’autore Kirk Sale, che aveva una certa notorietà per aver distrutto i computer con una mazza nella tradizione dei Luddisti. Ha predetto il collasso della civiltà in 25 anni. Gli ho chiesto se era disposto a scommettere sulla sua visione del collasso globale. Puoi leggere l’intervista e la scommessa originale qui nell’articolo “Interview with the Luddite”.

Abbiamo deciso di scommettere $ 1.000 sullo stato del mondo nel 2020. Sale stava scommettendo su tre disastri globali; Io stavo scommettendo sul progresso. In quel momento abbiamo accettato di lasciare che il nostro comune editore di libri, Bill Patrick, trattenesse i nostri assegni.

Mentre il 2020 si avvicinava, quella che pensavo fosse una vittoria facile, si è rivelata non così ovvia, quindi Kirk e io abbiamo deciso di lasciare che Bill Patrick prendesse la grande decisione alla fine del 2020. Quindi ieri sera, 31 dicembre 2020, Bill Patrick ha preso la sua decisione. La condivido qui sotto.

Prima della fine dell’anno, ho scritto la mia difesa del perché pensavo che avrei dovuto vincere. L’ho inviata a Bill Patrick mentre prendeva la sua decisione. Inoltre, Steven Levy ha parlato con me, Kirk Sale e Patrick e poi ha scritto la storia della scommessa per Wired, che puoi leggere qui.

***********

Oggetto: grande decisione

Data: giovedì 31 dicembre 2020

Da: William Patrick

A: Kirk Sale, Kevin Kelly

Grazie signori per avermi affidato questa grave decisione.

Nel decidere chi vince, mi ritrovo a non avere altra scelta che essere originale attraverso un lavoro di dettaglio sulle singole parole, le più significative sono “nemmeno vicino” e “convergenza”.

Per eleggere il vincitore, penso sia meglio assegnare un punteggio ad ogni round.

 Disastro ambientale globale

I problemi ambientali hanno molto più a che fare con la vecchia scuola, la tecnologia industriale (che sta lentamente andando in pensione) che con la tecnologia dell’informazione (che potrebbe essere l’unica speranza per una soluzione). Tuttavia, con incendi, inondazioni e innalzamento del mare che spostano le popolazioni; insetti e malattie diretti a nord, calotte glaciali che si sciolgono e orsi polari senza un posto dove andare; così come la peggiore stagione degli uragani e l’anno più caldo mai registrato, è difficile contestare che siamo almeno “vicini” al disastro ambientale globale.

Questo round va a Kirk.

Collasso economico

Qui non c’è storia. Anche con una pandemia, la disoccupazione è un problema, ma non è successo niente simile ad una crisi, almeno non negli ultimi giorni del 2020. (“Stay tuned”). L’indice di borsa Dow ha recentemente raggiunto quota 30.000 e le principali valute continuano a salire. (Bitcoin, una forma di valuta completamente nuova inimmaginabile nel 1995, sta salendo vertiginosamente, avvicinandosi a $ 20.000 l’ultima volta che ho controllato) Quindi, la terribile previsione di Kirk era lontana.

Il round va a Kevin.

Guerra tra ricchi e poveri, sia all’interno che tra le nazioni.

Qui è dura. La previsione apocalittica di Kirk è particolarmente problematica se si tiene conto di enormi guadagni economici in Cina e India, guidati in gran parte dalla tecnologia. D’altra parte, quanto pesano i disordini economici nella generazione del terrorismo che ha innescato “guerre eterne” in Iraq, Afghanistan e Somalia? E la delocalizzazione delle produzioni industriali e dei colletti blu che ha permesso al finto populismo di Trump di conquistarli? Nel frattempo, la rabbia per gli abusi della polizia ha portato a massicce proteste da parte della sinistra e sanguinose rivolte negli Stati Uniti e in Europa. È difficile dire che “i poveri si stanno ribellando” sia lo stato attuale del mondo (soprattutto con la classe media in ascesa in Asia) ma è anche difficile dire, se si considerano i disordini nel mondo islamico e i sostenitori di Trump che agitano armi automatiche, che “non siamo neanche lontanamente vicini”.

Si va al ballottaggio, con un vantaggio per Kirk.

Per decidere chi vince dobbiamo analizzare esattamente la frase della scommessa, compresa la punteggiatura: “scommetto 1.000 dollari USA che nel 2020 non siamo nemmeno vicini al disastro provocato dalla convergenza di tre disastri: crollo della valuta globale, guerra tra ricchi e poveri e disastri ambientali di grande entità”. Se consideriamo il modo in cui è costruita questa affermazione, Kirk avrebbe dovuto indovinare tutte e tre le previsioni per vincere. Ne ha indovinata solo una, una è finita in pareggio e una è un po’ dietro.

Quindi, Kevin vince, ma è stata una vittoria risicata, non c’è molto motivo di festeggiare.

Speriamo in un “progresso” nei prossimi 25 anni che sia meno equivoco.

Vi auguro Il meglio per il 2021.

Bill

**********

Perché credo di aver vinto la scommessa del 2020

È chiaro a qualsiasi osservatore imparziale che il mondo come lo conosciamo non è finito, anche se la fine potrebbe essere vicina. Ma è stata vicina per un po’, e questo è il nocciolo dell’argomento di Kirk Sale. Venticinque anni fa, gli sembrava che l’infrastruttura di civiltà che noi umani avevamo costruito nel corso dei millenni fosse vicina a un punto di rottura e che non potesse durare altri 25 anni. Kirk Sale, credeva, che stava crollando perché la civiltà tecnologica era incompatibile con la natura. La tecnologia e la civiltà operavano su scala innaturale, velocità innaturale e in un modo che ha distrutto i sistemi viventi. Ma il sistema vivente del pianeta era molto più grande degli umani e delle loro invenzioni, ed entrambi dipendevano molto di più da questo mondo naturale – anche se gli inventori si rifiutavano di ammetterlo – che il pianeta vivente avrebbe reagito, esercitato le sue regole e il mondo inventato fabbricato dai tecnologi sarebbe crollato. Kirk Sale era così certo della fine inevitabile da essere disposto a scommettere $ 1.000 che il crollo sarebbe accaduto entro 25 anni.

Kirk potrebbe aver ragione che siamo sull’orlo del crollo e che nei prossimi 25 anni, entro il 2045, accadrà. Ma questa è una scommessa diversa. Ora nel 2020 – come afferma la scommessa – siamo nel pieno collasso?

La California e l’Australia hanno probabilmente avuto le loro peggiori stagioni di incendi nella storia innescate dall’attività umana, tra cui il riscaldamento globale, una cattiva gestione degli incendi e l’inesorabile incursione dell’espansione urbana. Gli uragani potenti sono più frequenti. E il ghiaccio artico e antartico si sta sciogliendo. Questi sono fenomeni su larga scala. Se per magia non fossero mai peggiorati, come potremmo chiamarlo ora “disastro ambientale a livello continentale”? Se facciamo un’istantanea della vita dei 7 miliardi di persone che oggi camminano sulla Terra, la maggior parte delle quali vive in aree urbane e le cui vite sono state solo leggermente colpite da incendi, inondazioni e scioglimento dei ghiacci, queste stesse persone non si stanno comportando come durante un cataclisma. Se questo è un disastro, è uno strano disastro che non è evidente ai suoi 7 miliardi di abitanti. Kirk Sale potrebbe sostenere che sono tutti sonnambuli nel bel mezzo di un disastro e che sperimenteranno presto il vero impatto, e questo potrebbe essere vero, ma questa è una scommessa diversa.

Il caso più forte per l’ambiente a livello globale è anche il più piccolo: il virus Covid-19. Ciò ha effettivamente colpito quasi tutti sul pianeta e ha influenzato il loro comportamento in modo significativo. Si potrebbe ipotizzare qualcosa di poetico dicendo che la pandemia è la risposta della natura alle densità innaturali delle moderne città umane. Si potrebbe dire che tali malattie contagiose sono state respinte dalla natura e che i blocchi, il coprifuoco, la chiusura delle frontiere, per non parlare dei milioni di morti a causa del virus, sono un disastro ambientale evidente e reale. In molti sensi, sono d’accordo. È giusto avere una visione ampia dell’ambiente per includere il mondo virale, e questo virus ha effettivamente avuto un impatto negativo globale.

Ha persino avuto un impatto finanziario globale, mettendo un freno alle imprese locali, eliminando milioni di posti di lavoro e interrompendo il commercio globale. Ma l’attributo più sorprendente della pandemia Covid-19 è stato il piccolo effetto che ha avuto sul mondo rispetto a quello che sarebbe potuto accadere. Data sia la letalità e la contagiosità di questo virus, sia la densità della vita urbana, avrebbe potuto, e in passato, avrebbe causato molti più danni di quanto abbia fatto. Non è stato così a causa della risposta globale ad esso. Con una scala e una velocità senza precedenti, la civiltà ha reagito al virus. In tutto il mondo, miliardi di persone hanno cambiato simultaneamente il loro comportamento ed in molti sono riusciti anche a continuare a lavorare. Una parte impressionante dell’economia può essere gestita da meno persone che mai. E in meno di un anno, gli scienziati hanno escogitato rimedi per la malattia, compresi quelli che possono potenzialmente eliminarla. La scienza ha escogitato trattamenti per diminuire il danno su coloro che hanno preso il virus. Non siamo ancora fuori da questo bosco e avremmo potuto fare 100 volte meglio, ma rispetto al disastro totale che avrebbe potuto essere, questa è una storia di come funziona la civiltà e non di come crolla.

Ecco il mio riepilogo al volo della nostra scommessa che risale al 1995: “Quindi tu ipotizzi il collasso globale della valuta, l’attrito sociale, la guerra tra ricchi e poveri, guerre nelle nazioni e disastri ambientali in tutto il continente che causano molti morti e grandi migrazioni di persone. Tutto entro il 2020, ah sì? … Scommetto 1.000 dollari che nel 2020 non siamo nemmeno vicini al tipo di disastro che tu descrivi. Una convergenza di tre disastri: collasso della valuta globale, guerra tra ricchi e poveri e disastri ambientali di misura significativa.”

È un po’ vago, a causa del mio tentativo di riassumere l’idea condivisa da Kirk Sale all’epoca. Ma fortunatamente Kirk Sale ha dedicato alcuni minuti ad articolare le condizioni che potevano essere misurate in dettaglio. Stava prevedendo una convergenza di tre eventi e vorrei rispondere in dettaglio a ciascuna delle tre “metriche”.

Kirk Sale dice: “La prima sarebbe il collasso economico. Il dollaro sarebbe senza valore, lo yen sarebbe senza valore, il marco sarebbe senza valore: la dislocazione che abbiamo visto nella Depressione del 1930, amplificata molte volte “. Anche dopo una pandemia globale senza precedenti, i dati sulla disoccupazione non sono male, e non si avvicinano ai livelli di depressione del 1930. Il dollaro non è senza valore, né lo yen, né il marco, né l’euro. In effetti, in termini di mercato finanziario globale, le azioni sono ai massimi storici. Questa previsione è sbagliata.

Kirk Sale dice: “La seconda sarebbe la lotta all’interno delle varie società tra ricchi e poveri. I poveri, che costituiscono, un quinto della società circa, non si accontentano più di essere comprati con alcol, televisione e droghe e così si ribellano. E nello stesso tempo, ci sarebbe lo stesso tipo di lotta tra le nazioni. Le nazioni povere non si accontentano più di prendere le briciole dalla nostra tavola ed iniziano ad insorgere contro le società più ricche con azioni militari o di altra forma”. Affrontiamo i due temi uno alla volta. Esiste una divergenza misurabile tra ricchi e poveri nelle società moderne, con una piccola percentuale di ricchi che possiede più del resto della società complessivamente, ma per qualche ragione questo fatto non ha portato a ribellioni, rivolte o rivolte armate. Lo squilibrio della ricchezza è generalmente vero in tutto il mondo (ed ancora più rilevante nelle nazioni più ricche), mentre l’assenza di rivolte da parte dei poveri è generalmente vera anche in tutto il mondo. Ciò può essere dovuto al fatto che nella maggior parte del mondo la povertà dei più poveri è stata generalmente ridotta, anche se i ricchi diventano molto più ricchi. Quindi, mentre il divario relativo tra ricchi e poveri cresce, i poveri in tutto il mondo sono diventati più ricchi ai loro stessi occhi, e quindi non si stanno “ribellando”.

Anche il seguente – il conflitto tra nazioni ricche e povere – non è avvenuto, probabilmente per ragioni simili. In generale, una classe media è emersa nella maggior parte dei paesi in via di sviluppo e i loro poveri sono diventati meno poveri. Inoltre, il destino economico di qualsiasi nazione è sempre più connesso ad altre nazioni, tramite importazioni ed esportazioni, e fare la guerra a nazioni più ricche non aiuti cittadini delle nazioni più povere. Quindi, l’isolamento economico è giustamente visto come qualcosa da evitare, e così ci sono state meno guerre tra le nazioni. È chiaro che la seconda previsione di Kirk Sale non si è avverata.

Kirk Sale dice: “Veniamo alla terza, i problemi ambientali. L’Australia, ad esempio, diventa invivibile a causa del buco dell’ozono, e l’Africa, dal Sahara al Sudafrica, diventa invivibile a causa di nuove malattie che sono emerse grazie alla deforestazione. In ogni caso, catastrofi ambientali su larga scala”. Kirk Sale si è avvicinato molto alla verità con le “nuove malattie” – Covid-19 – anche se è improbabile che il Covid-19 sia stato generato a causa della deforestazione. (Il Covid-19 è più probabilmente dovuto alla propensione cinese a raccogliere, allevare e vendere animali selvatici in condizioni orribili). Tuttavia, come ho detto sopra, questo potrebbe essere visto come un fallimento ambientale a causa delle pressioni della vita urbana sul mondo naturale. Comunque, nonostante una brutta stagione degli incendi, l’Australia non è invivibile (almeno secondo i 23 milioni che vi abitano nel 2020) e idem per l’Africa. Entrambi i continenti hanno sperimentato il Covid-19 e nessuno dei due è invivibile a causa di questa nuova malattia. L’ultima frase di Kirk Sale è più difficile da giudicare: ci sono “catastrofi ambientali su scala significativa”? Potremmo parlare di pesca eccessiva nell’oceano e sono d’accordo che si tratta di un problema ambientale su scala significativa. Lo scioglimento del ghiaccio nelle regioni artiche è un altro. Se questi sono problemi risolvibili o catastrofi vere e proprie – l’Australia invivibile – in questo momento è qualcosa da discutere. Dato che sono generoso, posso essere d’accordo con lui che questa previsione è per metà vera.

Tuttavia la scommessa era la convergenza di tutte e tre le catastrofi, una tripletta di crolli, un’apocalisse multidimensionale. Questo non è avvenuto. Kirk Sale potrebbe sostenere che tutto sta per accadere, e in effetti potrebbe. Ma questa è una scommessa diversa. Questa è un’altra scommessa per i prossimi 25 anni. La nuova scommessa sarebbe: nell’anno 2045, i tre crolli – collasso finanziario, guerra tra ricchi e poveri e un mondo invivibile a causa di catastrofi ambientali – sarebbero in pieno svolgimento.

Nella mia audacia in quel momento, ho detto che nessuna delle previsioni di Kirk Sale sarebbe stata vicina a ciò che accade. “Vicina” non è la parola corretta per una scommessa. È arbitraria al 100%. Se avessimo scritto la scommessa non ne avrei permesso l’uso. Sentivo che stavamo scommettendo sulla descrizione di Kirk Sale di apocalisse convergente e con “non avvicinarci” dell’apocalisse. Nessuno avrebbe dovuto essere confuso o perplesso da ciò che avrebbe visto.

Non credo che la maggior parte delle persone oggi direbbe che siamo vicini alla convergenza delle tre apocalissi. Potremmo essere più vicini all’apocalisse ambientale, ma credo che se chiedessi al cittadino medio di questo pianeta se siamo vicini alle tre apocalissi oggi, in questo momento, risponderebbe di no. Se leggi alle persone la descrizione di Kirk Sale e chiedi loro di guardarsi intorno e giudicare se è quello che vedono, non assomiglia per niente ai disastri ipotizzati da Kirk Sale. Direi che sembra che siamo vicini a ciò che descrive.

Il mio ottimismo sul fatto che non siamo vicini al disastro globale non si basa sul pensare di avere meno problemi di quanti ne abbiamo. Vedo veri danni nel nostro mondo oggi, veri grandi problemi, specialmente problemi su scala globale. Piuttosto, il mio ottimismo si basa sulla nostra migliore capacità di escogitare soluzioni. L’elenco dei problemi in futuro aumenterà sicuramente nei prossimi 25 anni – e la maggior parte di questi problemi sarà innescata dalle soluzioni tecnologiche che realizziamo oggi – ma stiamo rapidamente inventando e migliorando gli strumenti e i mezzi per garantire la vita di sette miliardi di esseri umani. Questo è ciò su cui scommetto. Kirk Sale ha perso la scommessa non perché ha valutato male i nostri problemi, ma perché ha valutato male la nostra capacità di affrontarli.

Sono così certo della nostra capacità di continuare a migliorare che offro a Kirk Sale una scommessa doppia o nulla. Potrebbe credere che i problemi che vede presto andranno fuori controllo. Se non hanno portato al collasso negli ultimi 25 anni, lo faranno sicuramente nei prossimi 25 anni. Io, d’altra parte, credo che non saremo neanche lontanamente vicini al collasso tra 25 anni. Sono disposto a scommettere $ 2.000 su questo. Credo che in effetti siamo alla vigilia di un periodo di 25 anni di progresso e prosperità globali, cose del genere che non abbiamo mai visto prima su questo pianeta. Tra 25 anni, la povertà sarà rara e lo stile di vita della classe media la norma. Anche la guerra tra le nazioni sarà rara. Gran parte della nostra energia sarà costituita da fonti rinnovabili, che rallenteranno il riscaldamento climatico. La durata della vita continua ad allungarsi. Ci scommetto.

*********

Kirk Sale non ha accettato la mia offerta “lascia o raddoppia”

Chi è Kevin Kelly?

kevin kelly KK

Kevin Kelly nasce in Pennsylvania, USA nel 1952. È uno scrittore, fotografo, ambientalista e un grande esperto di cultura digitale e asiatica. È una delle persone più interessanti al mondo, un grandissimo pensatore e innovatore, una persona libera. . È il cofondatore della rivista Wired di cui è stato poi il direttore. Per saperne di pìu leggi il mio post La straordinaria vita di Kevin Kelly.

Le foto di Kevin Kelly sono state scattate dal fotografo Christopher Michel.


Link Interessanti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *